05 agosto 2018

Buonista

Nel vocabolario online Treccani c'è. Sì, c'è "buonista", sul Treccani.

Sigh.

Una volta per sapere se un termine esisteva / era corretto si guardava se era presente nel vocabolario.
Oggi per vedere se un vocabolario è fatto bene si guarda se annovera una parola inventata da degli scemi.

E il team Garzanti com'è messo?

Vedo che anche sul sito Garzantilinguistica c'è "Buonista", le cui definizioni sono "che dimostra, è improntato a buonismo" e "che, chi privilegia una condotta improntata a buonismo". E però "buonismo" non c'è. Forte, ragazzi.

Che dire sulle origini della parola "buonista" ?

Mi pare che sul web non siano disponibili informazioni su chi di preciso abbia inventato questo termine.

In compenso Federico Faloppa, docente di Storia della Lingua Italiana e Sociolinguistica, ha affermato che "buonista" / "buonismo" vennero usati per la prima volta in Italia intorno al 1993, con riferimento all'atteggiamento di tolleranza verso gli avversari politici adottata da Walter Veltroni (fonte: https://www.cartadiroma.org/news/buonisti-o-cattivisti/).

Oggi il termine "buonismo" viene invece usato in senso dispregiativo per indicare una persona che non si fa prendere in giro dai politici beceri che si appellano agli istinti di rabbia, paura e vendetta. In senso dispregiativo, capito?

Ti è piaciuto questo articolo? Amerai quelli di Psicoperformance!
Clicca qui e visita Psicoperformance.com

Nessun commento:

Posta un commento

--- IMPORTANTE --- Per evitare spam ed eccesso di spazzatura stupidiota, i commenti sono soggetti a moderazione, quindi non compaiono immediatamente il loro invio. Se non vuoi inserire il tuo nome anagrafico, usa un nick; se non sai come fare clicca in alto su "COME COMMENTARE". Mi riservo di non approvare commenti di utenti che compaiono come "Anonimo", perché questo potrebbe generare confusione in caso di più utenti anonimi.