10 gennaio 2009

Freccette per i reply: c'è ancora chi se ne stupisce..

Nonostante l’uso della posta elettronica in Italia sia ormai largamente diffuso, capita ogni tanto (per fortuna di rado, ma capita) che qualcuno si stupisca dell’uso delle freccette per la citazione del messaggio a cui si risponde, trovando questo metodo strano, bizzarro o addirittura poco educato (sì, mi è capitato di leggere anche un commento del genere, anche se molti anni fa).

Scrivo questo articoletto non solo per spiegare a chi non ha dimestichezza con la posta elettronica (meglio tardi che mai) che le freccette per la citazione sono di larghissimo uso da quando esiste la posta elettronica (ci sarà un motivo se è automaticamente predisposto, dopo il clic su “reply”, la comparsa di tali freccette col testo del messaggio a cui si risponde..).

Colgo anche l’occasione per ricordare, più in generale, che quando si conosce poco o per nulla l’uso di uno strumento (automobile, medicinali, e-mail, etc) sarebbe meglio informarsi prima di pronunciarsi…

Ti è piaciuto questo articolo? Amerai quelli di Psicoperformance!
Clicca qui e visita Psicoperformance.com

Nessun commento:

Posta un commento

--- IMPORTANTE --- Per evitare spam ed eccesso di spazzatura stupidiota, i commenti sono soggetti a moderazione, quindi non compaiono immediatamente il loro invio. Se non vuoi inserire il tuo nome anagrafico, usa un nick; se non sai come fare clicca in alto su "COME COMMENTARE". Mi riservo di non approvare commenti di utenti che compaiono come "Anonimo", perché questo potrebbe generare confusione in caso di più utenti anonimi.