30 agosto 2015

Bibbia tradotta alla lettera: e cioè?

Siccome il cristianesimo si è scisso in vari rami sulla base della diversa interpretazione della Bibbia, in particolare sulla base delle sue diverse traduzioni, ognuno potrebbe farsi un'idea leggendola... se tutti avessero un'ottima conoscenza delle lingue in cui fu scritta.

Chi crede che la Bibbia contenga la parola di Dio e ha voglia di conoscere la verità, ma al tempo stesso non ha tempo né voglia di studiare le lingue originali fino a conoscerle alla perfezione (compresi modi di dire)?

Deve consultare una Bibbia tradotta alla lettera, verrebbe da rispondere.

Ma un po' tutti gli autori delle varie versioni della Bibbia sostengono che la propria versione è tradotta "in pratica alla lettera". Diranno magari "La mia versione è la traduzione alla lettera, chiaramente dove il testo lo consente; le variazioni sono state fatte giusto per ottenere una leggibilità scorrevole, ma per il resto il significato delle parole è quello".

Come la mettiamo?

Il fatto è che di traduzione alla lettera possono esistere diversi livelli.

Siccome non conosco ebraico, aramaico e greco antico, faccio degli esempi con la traduzione dall'inglese all'italiano. E siccome sono le prime cose che mi vengono in mente a me che sono un giovane birbaccione, lo faccio con alcune parolacce.

Prendiamo l'offesa "Fucking asshole".

Traduzione alla lettera grezza: "da fottere buco di culo"
Traduzione alla lettera meno grezza: "buco di culo da fottere"
Traduzione ancora meno grezza, che se sentita da un italiano inizia a rendere l'idea di ciò che l'inglese voleva dire: "fottuto buco di culo"
Poi si può considerare una traduzione ancora meno grezza, ma di fatto univoca: "fottuta testa di cazzo". È alla lettera questa? No e sì. No, perché un buco e un culo non sono una testa e un cazzo. Sì, perché con "asshole" l'inglese intende esattamente cosa intende l'italiano per "testa di cazzo", senza alcuna possibilità di equivoco, e cioè "persona di infimo valore, meritevole di essere offesa pesantemente".

Del resto l'espressione "traduzione letterale" significherebbe, letteralmente, tradurre lettera per lettera, e non parola per parola. Il che è impossibile. Anche quella va interpretata :-)

Andiamo avanti "fucking asshole", soffermandoci su "fucking".

In realtà "fottuto" così come si sente dire nei film è così usato solo da quando si doppiano i film anglofoni. Prima in italiano non esisteva. Dove l'inglese dice "fucking car" l'italiano non direbbe "fottuta automobile", ma "automobile del cazzo".
Ma nell'esempio di prima probabilmente un traduttore incaricato di tradurre alla lettera troverebbe come buon compromesso il pur inconsueto "fottuta testa di cazzo". Infatti sarebbe troppo inaccettabilmente ridondante dire "testa di cazzo del cazzo", mentre ridurre l'intera traduzione a "testa di cazzo" tagliando di netto il "fucking" esporrebbe alla critica "avevi detto che la tua traduzione era letterale, mentre addirittura hai tagliato un termine senza neanche tradurlo".
Probabilmente per rendere l'idea di ciò che un inglese vuole dire con "fucking asshole" evitando sia la ridondanza, sia il taglio, sia un'espressione inconsueta, una buona traduzione sarebbe "imbecille testa di cazzo". Sarebbe la migliore traduzione, perché in effetti esprimerebbe in italiano esattamente ciò che un inglese voleva dire con la frase in esempio. E questo di nuovo autorizzerebbe a dire che si tratta di una traduzione letterale. Ma qualcuno potrebbe osservare che non è così data la grande elaborazione di concetto che è stata necessaria per arrivare alla formula italiana finale.

Insomma, letterale può voler dire diverse cose:

- parola per parola

- frase per frase

- frase per frase accomodata, tenendo conto dell'unico significato che poteva avere in italiano (salvo sinonimi) data l'impossibilità di altre interpretazioni

Certo che, in presenza di diatribe sulle versioni in lingua diversa di un testo il cui autore non è più interpellabile, è opportuna una traduzione letterale che sia abbastanza "stretta" da ridurre al minimo l'opinabilità nel merito dei singoli termini, ma al tempo stesso non tanto stretta da sconvolgere il significato della frase là dove frasi fatte e modi di dire abbiano un significato diverso da quello che darebbe loro chi non li conosce. Si pensi, ad esempio, al saluto che gli inglesi danno presentandosi "How do you do", che tradurre letteralmente ("Come fai?") non garantisce certo chiarezza, ma un vero e proprio errore.

29 agosto 2015

Acquista una linotipìa e aiuta un ragazzo in difficoltà

Aggiornamento: la raccolta fondi per il mio amico è terminata. Lascio qui questo articolo solo per la memoria storica e per dare un giusto tributo al generoso Dario.

Dopo l'appello con cui chiedevo di aiutare con un'offerta libera un ragazzo in difficoltà, il mio FB-friend Dario Woollover mi ha contattato proponendomi di vendere le sue bellissime linotipìe per devolvergli il ricavato.

Allora di nuovo metto volentieri a disposizione il mio spazio web e pubblico le foto delle opere di Dario. I pezzi a disposizione sono solo 11.

Costo delle linotipìe: 15 € l'una.
Modalità di pagamento:
[...dati ad oggi inutili...]

E se la linotipìa che vuoi sarà già stata presa? Te lo dirò, e ne sceglierai un'altra fra quelle rimaste (oppure potrai avere un rimborso).

Ed ecco finalmente le fantastiche, stupende e soprattutto benefiche e solidali linotipìe di Dario, che rappresentano il particolare di un pianoforte. Clicca su ciascuna immagine per ingrandirla.

...Ah... Se pensi che la solidarietà e le linotipìe possano interessare a qualcuno, inviagli il link a questa pagina. E nel dubbio... convidivila su Facebook!












Grazie!

26 agosto 2015

E se il proprietario della rosticceria apre un ristorante vegano?

Letto in questi giorni su FB:

"Vi sembra normale che lo stesso proprietario che ha la braceria della Vasca a Montevarchi e che da anni ormai cuoce animali su quelle schifose gratelle , apra un ristorante Vegetariano/vegano?"

Incollo dai miei commenti dopo un'aggiustatina:

Questo ti spinge a boicottare questo ristorante? Allora per lo stesso motivo potresti non mettere piede in un supermercato: quegli ipocriti fanno il reparto frutta e verdura, mentre pochi metri più là vendono la carne.
Se devo far riparare la mia bicicletta, evito di portarla da un biciclettaio onnivoro perché so che coi miei soldi ci si comprerà la carne? Lo evito perché i freni che mi cambierà sono stati fabbricati da uomini che hanno tratto dal latte l'energia per lavorare?

Il boicottaggio contro l'onnivoro come persona o come azienda in toto è impraticabile e inefficace: a causa di come l'onnivorismo permea il nostro mondo, tutto quello che facciamo in qualche modo appoggia (nel prima premiando, e nel poi favorendo) sia l'onnivorismo, sia altre pratiche che ci trovano discordi e che quindi tenderemmo a ostacolare. La decisione se boicottare o no un'azienda può dipendere dalle nostre emozioni o dalla nostra razionale strategia. Nessuna delle due cose è sbagliata, ma se non abbiamo presente a quali delle due dipende la decisione che stiamo prendendo, allora agiamo in maniera ingenua.

Nel caso specifico, se non vai al ristorante vegano perché il proprietario ti sta antipatico in quanto proprietario di una braceria, ok. Ma devi sapere che questo non è boicottaggio, anzi è il contrario. Il boicottaggio è uno strumento che serve per mandare un messaggio che dev'essere chiaro ed obbligatoriamente semplice; se è anche solo un po' complesso, modulato su più di un parametro anziché su on/off, non va a segno. Non viene capito.Compri oppure non compri. Ci vai oppure non ci vai. Il messaggio sul perché compri o non compri, o sul perché ci vai o non ci vai viene interpretato come "questo prodotto non mi piace". A meno che l'erogatore del servizio sia una multinazionale e sia cosciente di una grande campagna di boicottaggio da parte di un gran numero di attivisti o grandi associazioni.

Non è certo il caso del proprietario di uno o più ristoranti a livello locale. Se questo proprietario avrà pochi clienti nel suo ristorante vegetariano non capirà certo "forse sono io come persona che sto antipatico in quanto incoerente". Penserà molto più semplicemente "i ristoranti vegani non funzionano, meglio chiudere o convertire anche questo in ristorante onnivoro".

Riassumendo-riassumendo: se vuoi ottenere un qualche efftto positivo quando boicotti e fai boicottare, usa la razionalità e non i paraocchi.

21 agosto 2015

Vuoi essere mio amico? Ne sei sicuro?

Vanna e Andrea, due iscritti alle mie newsletter e che non conoscevo di persona né telematicamente, hanno risposto per primi all'appello che ho lanciato in favore di un mio amico in difficoltà, aiutandomi ad aiutarlo con una donazione. A loro quindi dedico questo articolo.

...Articolo che più che altro consiste, come sovente accade in questo blog, nel semplice incollaggio (con un po' di modifiche e miglioramenti) del testo di un messaggio, e cioè l'email che ho loro inviato.

Prima di augurarti buona lettura, una precisazione senza la quale forse te ne andresti da questa pagina senza arrivare neanche a metà: lo so, gli scenari qui descritti sono impegnativi, ne parlo in via ipotetica e augurandomi che non debbano capitare, e lo so, è segno di amicizia anche non sfruttare l'altro e fare da soli quando si può, e prima di chiedere un favore si deve tenere conto degli impegni altrui (altrimenti non si chiama "amico", ma "palla al piede").

Detto questo, buona lettura, se ti va.

----------

Ciao. Ce ne vorrebbero di più di persone come te.

Mi fai pensare a chi mi chiede l'amicizia su Facebook conoscendomi appena o per nulla. Non mi conosci e mi proponi di essere mio amico? Benissimo. Mi voglio fidare. Accetto. Siamo amici. Ma allora mi aspetto che tu mi tratti come amico.
Se vieni a sapere che sono in difficoltà io oppure è in difficoltà un mio amico, tu ti attivi per dare un aiuto. Non te lo devo neanche chiedere. Se l'aiuto più utile da fornire è economico, ti frughi in tasca senza pensarci.

Da matti comportarsi così con una persona che conosci da poco? È una tua scelta. Sei tu che mi hai chiesto l'amicizia. O pensavi che l'amicizia fosse scambiare 2 battute e 2 link di sui politici ladri, sulla capra che incredibilmente allatta il gattino e sulla nuova cura per il cancro censurata dalle case farmaceutiche?

La cosa buffa è che tante persone danno la colpa agli sviluppatori di Facebook. Sarebbero loro che hanno usato la parola "amicizia" in modo improprio, e avrebbero dovuto chiamarla "contatto" o simili.
Tipo: in un negozio di casalinghi vedi un bastoncino di legno slargato in fondo e lo compri e corri a casa per farne l'uso che ritieni più opportuno: tagliare il cocomero; qualcuno ti becca nel tua goffa impresa e a un certo punto, mosso da compassione, tenta di spiegarti come stanno le cose. "Vedi? C'è ancora l'etichetta attaccata. C'è scritto che è un mestolo, e serve per girare il sugo". Tu cosa rispondi? "Sì, l'avevo vista. Ma il fatto è che i produttori hanno sbagliato nome; avrebbero dovuto chiamarlo coltello. Comunque bah, è davvero un pessimo coltello.

No, no.

Se il produttore dà un certo nome a una certa funzione, non puoi usarlo in maniera impropria e al tempo stesso giustificare il tuo stupido agire sostenendo che il nome è sbagliato. Puoi fare una delle due cose. Ma non tutte e due insieme.

Su Facebook c'è l'amicizia.   A-M-I-C-I-Z-I-A.

Ci siamo conosciuti in un sito per persone in cerca di sesso facile e giocherelloso e hai cliccato sulla richiesta "fammi i pizzicotti sul sedere" ? Se accetto, aspettati pizzicotti sul sedere.

Mi hai contattato su Facebook e mi hai chiesto l'amicizia? Signifia che vuoi essere mio amico.
E di conseguenza verrai sgamato come l'ipocrita che sei se dimostrerai che dell'amicizia volevi solo i benefici. Tipo: vuoi semplicemente...

- che i tuoi post vengano letti da più persone possibili, ma se i tuoi post non sono interessanti smetteranno di leggerli, e se esageri con l'immondizia cliccheranno per non seguirti più;

- che il tuoi prodotti o servizii raggiungano più persone possibili da trasformare in clienti, ma allora non volevi la mia amicizia, volevi i miei soldi... inoltre il regolamento di Facebook vieta alle aziende di iscriversi come profilo personale;

- poter chattare con me, ma puoi chattare con una persona anche se non siete amici su Facebook.

Non sto dicendo che tutti i mei amici dovrebbero sentirsi obbligati ad aderire a ogni mia iniziativa di beneficenza nei confronti di persone a me vicine.
Possono anche non farlo, a patto che il motivo sia del tipo "Non sono d'accordo con questa iniziativa" oppure "davvero non posso" (ma nel caso di raccolta fondi chi non può donare anche 2 euro, anche per manifestare la propria solidarietà?).
Se invece il motivo è "Eh, ci sono tante persone che hanno bisogno... si dovesse far beneficenza per tutti...", allora non mi sembra accettabile. Perché questo equivale a dire che io per te sono una persona qualunque, e quindi le persone a me vicine sono persone qualunque... quando invece dovrebbe esserci una proprietà transitiva dell'amicizia di almeno un grado (cioè non mi aspetto che un amico si stra-impegni per aiutare l'amico dell'amico dell'amico dell'amico dell'amico, ma almeno semplicemente l'amico dell'amico, quello sì). Ti sei proposto come amico, mentre in realtà vorresti che io facessi parte delle persone qualunque? Questo è offensivo nei confronti miei e nei confronti del concetto di amicizia, che secondo me è sacro. Non va bene.

Ecco. Il premio per la tua gentilezza è stato il mio nuovo articolo in anteprima sotto forma di sfoghino.

Ciao e complimenti per il tuo purtroppo raro quanto encomiabile comportamento, tanto più che non ci conosciamo direttamente. Da te sì che accetterei volentieri e con ragionevole fiducia una richiesta di amicizia.

Marco 

---------------------

Mi rendo conto che di primo acchito accostare amicizia e soldi può stonare. Ma in quella vicenda di soldi si era trattato. E del resto mi sembra un esempio efficace.
Faccio qui altri esempi di favori che si possono chiedere e che si devono fare agli amici quando possibile:

- Mi aspetto che tu, se puoi, mi venga a prendere se sono rimasto a piedi lontano da casa e non so come tornare.

- Mi aspetto che tu, se puoi, mi ospiti a casa tua se la mia abitazione è crollata per via di un terremoto.

- Mi aspetto che tu, se puoi, mi dia una mano se ti chiedo un aiuto per un trasloco.

Altra cosa importante: se sei mio amico ritengo normale da parte tua essere adeguatamente severo nei confronti di chi ha agito ingiustamente contro di me, specialmente se lo fa in un territorio che amministri tu, fisicamente o telematicamente. Ad esempio a casa tua, oppure nei commenti sul tuo profilo Facebook. Un esempio per quest'ultimo caso: se sotto a un tuo post sul tuo profilo qualcuno ha scritto un commento parlando nei miei confronti in modo ingiustamente offensivo o scorbutico o ha ingiustamente mosso contro di me un'accusa o un'insinuazione, mi aspetto che tu mi difenda.
Se il comportamento di questa persona è particolarmente grave, mi aspetto che tu lo elimini dai tuoi amici e che tu elimini il tuo "Mi piace" da una sua eventuale pagina Facebook dedicata alla sua persona. Se si è comportato in maniera ingiusta in quanto azienda, mi aspetto che tu elimini il tuo "Mi piace" nella sua eventuale pagina aziendale oltre che eliminare l'eventuale amicizia.
 
 ...Il tutto sapendo che io farei lo stesso con te.
 
Insomma... hai presente l'amicizia? Spero di sì.

...Ah, riguardo al difendermi in caso di tentata diffamazione... Come puoi farlo se non mi conosci? Beh, puoi sempre iniziare a leggere un po' di articoli di questo blog per farti un'idea di chi sono. E io? Se non so che tipo sei, come faccio a valutare la possibilità di un'amicizia vera? Se non hai un luogo online in cui parli di te e delle tue opinioni (blog, diario FB, etc), tecnicamente la nostra sarà un'amicizia in prova... Beh, come tutte, del resto. E siccome amo essere non solo chiaro, ma anche ottimista, fino a prova contraria, se concordi con ciò che è scritto in questa pagina, come accenanvo sopra, posso ritenerti un amico e accettare la tua richiesta. Se invece preferisci semplicemente rimanere aggiornato sui miei post pubblici, puoi sempre andare sul mio profilo e cliccare su "segui". Vedi anche l'articolo a questa pagina.

Sullo stesso argomento, ti invito a leggere anche altri due articoli:

È spam? Ma dai! Siamo amici!
e
Vuoi rimanere mio FB-friend? Non linkare siti bufalari

Una colletta per un ragazzo in difficoltà

Mantengo online questo articolo per memoria storica. La colletta, effettuata nel 2015, ebbe un discreto successo. In seguito ho deciso di modificare le foto per rendere non riconoscibile il ragazzo e modificare il testo per non rivelare il suo nome.


Se fossi un tifoso ti direi che il tiro in porta della mia squadra del cuore l’hai parato tu. Niente emozioni con le medaglie e con le coppe stavolta, ma un’emozione 100 volte più grande: poter pensare che sorridi facendo la “V” come 25 anni fa.

Non ce l’ha fatta la sfortuna ad ammazzarti ancora. Sei ancora fra noi. E fra noi qualcuno è qui per te:

FACCIAMO UNA COLLETTA PER AIUTARTI, così puoi farci vedere come mantieni la promessa che mi hai fatto: nonostante tu

- abbia perso il lavoro perché il tuo capo ha chiuso il ristorante

- sia diventato un senza tetto (e pensare che eri così felice per aver conquistato l’autosufficienza tutto da solo, e avere la possibilità di lavorare sodo!)

- abbia sentito i medici parlare di sospetto tumore allo stomaco perché per 3 mesi hai vomitato tutto quello che tenti di mangiare (speriamo che invece l'endoscopia dell'8 settembre sia negativa)

- abbia visto, per un lungo periodo, birre e sigarette come unici amici

- sia stato derubato 4 volte in pochi mesi

- ti volessi suicidare o lasciarti morire

..nonostante tutto questo, ti ho proposto di cambiare direzione e hai accettato: non una goccia di alcool per 2 anni, niente più sigarette, alimentazione sana, e soprattutto l’impegno di imparare dal passato.

Mi son detto “Manterrà la promessa?” e ho farabuttamente parlato con una persona che ti conosce e che vive a Hon Kong vicino a te, ti ha testato e tu hai superato il test. Meriti di raccontare a tuo figlio una bella storia.

Bene, ciao. Smetti pure di leggere. Mi rivolgo adesso ai tuoi amici e a tutti i miei lettori.

PRENDERESTI A CALCI NEL SEDERE CHI SCRIVE SU FACEBOOK “L’AMICO SI VEDE NEI MOMENTI DI DIFFICOLTÀ ?”, CLICCA “MI PIACE” SUL POST CHE DICE DI CAMBIARE IL MONDO, MA NELLA VITA REALE NON FA NULLA?

Io sì. Non perché è ipocrita, ma perché non sa cosa si perde. Gli direi:

compri l’abbonamento allo stadio per vedere il tuo campione affinché ti dia delle emozioni? Allora prova questa, di emozione: vedere un campione di sopravvivenza fra mille sfortune RIALZARSI ANCHE GRAZIE A TE.

Speriamo che questo ragazzo trovi presto lavoro (per fortuna a Hon Kong il lavoro c’è, molto più che in Italia). Fino a allora, AIUTIAMOLO NOI AFFINCHÉ NON DORMA IN STRADA. Paghiamogli l’affitto per 2-3 mesi e le spese per il cibo e le cure mediche.

Tira fuori i soldi. Trasforma quei pezzi di carta in una bella emozione per te. Ricordi il goal della tua squadra che vince una finale? Parato. Stop. Non oggi. Oggi ti aspetta un’emozione diversa, 100 volte meglio.

Ecco come donare: [...dati ad oggi inutili...]

E condividi questo messaggio: ci sono altre persone affamate di emozioni belle che hanno il diritto di sapere!

--------------------

Ulteriori precisazioni su questa vicenda ed il suo esito sono pubblicati nel mio articolo pubblicato a questa pagina.